Avetrana. “Congedi parentali e per prestatori di cura – Dall’Unione Europea un nuovo equilibrio tra vita familiare e professionale”.

La Commissione Pari Opportunità del Comune di Avetrana, a 2 mesi dal suo insediamento, organizza l’evento “Congedi parentali e per prestatori di cura – Dall’Unione Europea un nuovo equilibrio tra vita familiare e professionale”.

L’incontro pubblico avrà luogo il 28 settembre alle ore 18.00 nella Sala Consiliare del Comune di Avetrana.

I lavori saranno aperti dal Sindaco Antonio Minò e da Cosima Manna, Assessora ai Servizi Sociali e Pari Opportunità.

A seguire l’intervento della Presidente della Commissione, Nadina Foggetti, e le relazioni delle due relatrici d’eccezione: Serenella Molendini, Consigliera Nazionale di Parità e Elena Gentile, Europarlamentare e componente della Commissione Lavoro del Parlamento Europeo.

La moderazione dei lavori è affidata a Maria Pasanisi, Vice Presidente della Commissione Pari Opportunità.

Il tema del dibattito sarà incentrato sul Testo della proposta emanata dalla Commissione Europea che va ad abrogare la precedente (2010/18/UE), stabilendo nuovi standard per il congedo parentale, di paternità e per i prestatori di assistenza.

Il tema è delicato e di grande importanza considerati gli sviluppi che la proposta potrà apportare, in particolare allo scenario italiano in cui pesa fortemente sulla popolazione femminile, il divario nell’occupazione, il divario retributivo e il divario pensionistico.

La proposta va inoltre nella direzione di una più equa condivisione di responsabilità fra i due genitori, nella delicata fase dei primissimi mesi di vita dei bambini e delle bambine, oltre a incentivare e tutelare la presa in carico di un familiare ammalato attraverso l’introduzione di nuovi diritti.

L’attenzione dovrà essere alta in questo momento in cui la proposta necessita della approvazione finale del Parlamento per poi avviare i negoziati conclusivi in Consiglio.

Il Comune di Avetrana ospita il primo di una lunga serie di incontri sul tema, sollecitando la popolazione tutta, anche dei Comuni limitrofi, ad intervenire per avere consapevolezza dei propri diritti e avviare un percorso di conoscenza e sensibilizzazione al fine di rispondere in maniera efficace alla scarsità di lavoro e al progressivo invecchiamento della popolazione.

Be the first to comment

Leave a Reply