Le rubriche di Nuovaria. Stress e Psicologia.

Per le Rubriche di Nuovaria oggi abbiamo l’onore di presentarvi la rubrica dedicata alla nostra psiche, ovvero quella dedicata alla Psicologia. 

Nell’ambito psicologico vi sono diverse definizioni di stress, le quali intendono lo stress un fattore scatenante (“stimolo”) o una reazione dell’organismo (“risposta”) che implica peculiari risposte fisiologiche, emotive e cognitive.

È la valutazione soggettiva di un evento o di un contesto a determinare se quell’evento o quel contesto è stressante per la persona che lo vive. Se una persona valuta che una data situazione è al di sopra delle proprie risorse e capacità di gestione, allora quella data situazione sarà fonte di stress per quella persona. Lo stress cronico, inoltre, rende vulnerabili allo sviluppo di un disturbo psicofisiologico.

Il modo in cui si affrontare lo stress, invece, costituisce un fattore di protezione : cercare di risolvere direttamente il problema che lo genera, oppure ridurre il carico emotivo negativo ad esso associato rappresentano strategie efficaci; al contrario, è inefficace evitare di ammettere l’esistenza del problema o desiderare passivamente che esso scompaia.

Come riconoscere se si è stressati?

Si è stressati se sono presenti insieme uno o più segnali fisiologici, emotivi e cognitivi, come: disturbi gastrointestinali, cefalee ricorrenti, stati di agitazione o ansia, battito cardiaco accelerato, incapacità di concentrarsi o mantenere l’attenzione, tendenza a dimenticare le cose, sonno disturbato o insoddisfacente, pensiero fisso, sentimenti di svalutazione e scarsa stima di sé, sentirsi sopraffatti da eventi o persone, avere le idee confuse, sentirsi persi.

Cosa si fa, allora, per sopravvivere allo stress?

Rivolgersi allo psicologo, il quale proporrà una valutazione clinica del problema e un piano per risolverlo basato sulle caratteristiche di personalità di chi ha richiesto l’intervento.

Dott.ssa Malorgio Stefania

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici